Exallievi ed Exallieve di Don Bosco - Puglia
Loading...

Michele Rua

Michele Rua2018-10-05T16:33:08+00:00

MICHELE RUA

I Successore di Don Bosco
(1837 - 1910)
Rettor Maggiore dal 1888 al 1910
(Beato)

Fu accolto da ragazzo da Don Bosco, crebbe nell’oratorio di Valdocco e, dopo aver professato tra i primissimi giovani nella Società Salesiana, divenne il braccio destro del Fondatore con cui condivise sempre la vita e l’ideale. Fu Vicario del Santo al quale successe nel 1888. Le caratteristiche più salienti di Don Rua furono una grande e amorevole apertura pastorale e sociale. Don Rua ereditò da Don Bosco un vivo interesse per i giovani lavoratori e per la classe operaia e una calda simpatia per ogni forma di organizzazione destinata a proteggere e difendere i diritti dell’uomo. Il Papa Paolo VI lo beatificò il 29 ottobre 1972.

“Noi due faremo tutto a metà”
Michele Rua nacque a Torino il 9 Giugno 1837. Ultimo di 9 figli, perse il padre all’età di otto anni. Studiò dai Fratelli delle Scuole Cristiane fino alla terza elementare.
Avrebbe dovuto iniziare a lavorare nella Regia Fabbrica d’Armi di Torino, dove il padre era operaio, ma Don Bosco – che la domenica confessava nella sua scuola – gli propose di continuare gli studi da lui, assicurandogli che alle spese ci avrebbe pensato la Provvidenza.
Un giorno Don Bosco distribuiva ai suoi ragazzi delle medagliette. Michele era l’ultimo della fila e arrivò tardi, ma si sentì dire: “Prendi Michelino!”. Il prete però non gli stava dando niente, ma soggiunse: “Noi due faremo tutto a metà”, e così realmente fu.

Diventa collaboratore stretto come il primo “salesiano”
Collaboratore della Compagnia dell’Immacolata con Domenico Savio, fu un allievo modello, apostolo tra i compagni.
Don Bosco gli disse: “Ho bisogno di aiuto. Ti farò indossare la veste dei chierici, sei d’accordo?”. “D’accordo!”, rispose. Il 25 marzo 1855 nella cameretta di Don Bosco fece, nelle mani del fondatore, i voti di povertà, castità e obbedienza.
Era il primo salesiano. Inizia a lavorare sodo: insegna matematica e religione; assiste in refettorio, nel cortile, nella cappella; a tarda sera copia in bella calligrafia le lettere e le pubblicazioni di Don Bosco, e infine studia per diventare sacerdote. Aveva solo 17 anni! Gli viene affidata anche la direzione dell’oratorio festivo San Luigi.

La mamma sostituisce Mamma Margherita
Nel novembre del 1856 muore mamma Margherita. Michele andò a trovare sua madre: “Mamma vuoi venirci tu?”. La signora Giovanna Maria venne, e anche in questo la famiglia Rua fece a metà con la famiglia Bosco. Rimase a Valdocco 20 anni.
Nel 1858 accompagna Don Bosco dal Papa Pio IX per l’approvazione delle regole, e al ritorno gli viene affidata la direzione del primo oratorio a Valdocco. Il 28 Luglio del 1860 fu ordinato sacerdote.

Apre la prima casa salesiana fuori da Torino
Don Bosco gli scrive un biglietto: “Tu vedrai meglio di me l’Opera salesiana valicare i confini dell’Italia e stabilirsi nel mondo”.
Don Rua apre la prima casa salesiana fuori da Torino a Mirabello. Pochi anni dopo torna a Valdocco e sostituisce e assiste Don Bosco in tutto.
Nel novembre del 1884 papa Leone XIII nomina Don Rua vicario e successore di Don Bosco, che morirà nelle sue braccia quattro anni dopo.

La regola vivente, paterno e amorevole
Don Rua, già considerato la regola vivente, diventa paterno e amorevole come Don Bosco. Affronta e supera numerose difficoltà nel governo della congregazione. Consolida le missioni e lo spirito salesiano.
Morì il 6 Aprile 1910, a 73 anni. Con lui la Società era passata da 773 a 4000 salesiani, da 57 a 345 Case, da 6 a 34 Ispettorie in 33 paesi. Paolo VI lo beatificò nel 1972, dicendo: “Ha fatto della sorgente un fiume”.

Venerabile il 26 giugno 1953; beatificato il 29 ottobre 1972 da Paolo VI.

Exallievi ed Exallieve di Don Bosco
FEDERAZIONE ISPETTORIALE PUGLIESE

Contatti >   –   Credits >

Breaking News