Attilio Giordani – Exallievi ed Exallieve di Don Bosco
Exallievi ed Exallieve di Don Bosco - Puglia
Loading...

Attilio Giordani

//Attilio Giordani
Attilio Giordani2018-08-07T20:45:10+00:00
Attilio GiordaniATTILIO GIORDANI

(1913-1972)

Venerabile
Inizio dell’Inchiesta diocesana: 21 – 11 – 1994
Conclusione dell’Inchiesta: 25 – 1 – 1995
Decreto Venerabilità 9 ottobre 2013

Da ragazzo scopre Don Bosco
Attilio Giordani nacque a Milano il 3 febbraio 1913. Il padre Arturo lavora in ferrovia e la madre Amalia è costretta a letto in seguito alla nascita di uno dei figli. Attilio è un ragazzo solare e dinamico. Dopo la scuola elementare frequenta i tre anni della scuola tecnica. Da ragazzino scopre don Bosco e l’oratorio salesiano di Milano, di cui sarà sempre un grande appassionato.

L’amore di Dio e del prossimo
Riceve lì la sua prima formazione e, giovane per i giovani, si impegna con costanza nell’animazione gioiosa dei gruppi: per decenni è un solerte catechista e un animatore salesiano geniale, semplice e sereno. Da buon salesiano cooperatore conosce e usa tutti gli strumenti educativi del Sistema Preventivo per animare i suoi ragazzi: cura della liturgia, formazione, presenza e gioco in cortile, valorizzazione del tempo libero, teatro. Attilio organizza passeggiate con i giovani dell’oratorio, compone canti, scenette, si inventa lotterie di beneficenza, caccie al tesoro parrocchiali e olimpiadi per ragazzi, senza mai dimenticare il centro della gioia cristiana: l’amore di Dio e del prossimo.

Crociata della Bontà
Ama il Signore con tutto il cuore e trova nella vita sacramentale, nella preghiera e nella direzione spirituale la risorsa per la vita di grazia. Inizia il servizio militare nel 1934 terminandolo, con fasi alterne, nel 1945. Dimostra senso apostolico tra i suoi compagni d’arma. Trova impiego nell’industria della Pirelli a Milano, dove pure diffonde allegria e buon umore, con grande senso del dovere. Nel dopoguerra sposa Noemi Davanzo, che lo accompagnerà e sosterrà per tutta la vita.
Per ridare speranza ai ragazzi sconvolti dalla guerra dà vita alla “Crociata della Bontà”, che si diffonderà in tutta Italia. Nella propria famiglia è un marito presente, ricco di grande fede e serenità, in una voluta austerità e povertà evangelica a vantaggio dei più bisognosi.

Meditazione, Eucaristia, Rosario
Ogni giorno è fedele alla meditazione, all’Eucaristia, al Rosario. I suoi tre figli partirono per il Brasile per un periodo di volontariato missionario. Decise egli stesso – d’accordo con la sua Noemi – di partire insieme, marito e moglie, per condividere totalmente la sua paternità e la vocazione dei figli al volontariato. Anche in Brasile continua ad essere catechista e animatore. Il 18 dicembre 1972, a Campo Grande, nel corso di una riunione sta parlando con entusiasmo e con ardore del dovere di dare la vita per gli altri, quando improvvisamente si sente venir meno.

“Ora, continua tu!”
Fa appena in tempo a dire al figlio: “Pier Giorgio, ora continua tu…”, e muore stroncato da un infarto. La sua salma, trasportata in Italia, riposa ora nella basilica di sant’Agostino a Milano. Nell’omelia il parroco disse: “A ciascuno di noi Attilio ripete la frase che, morendo, ha detto a suo figlio: «Continua tu!»”.
Exallievi ed Exallieve di Don Bosco
FEDERAZIONE ISPETTORIALE PUGLIESE
DON ANGELO DRAISCI 

Nominato Delegato
della
Federazioe Ispettoriale Pugliese

Exallievi ed Exallieve
di
Don Bosco

Per saperne di più
close-link
DON ANGELO DRAISCI
Nominato Delegato
della Federazione Ispettoriale Pugliese Exallievi ed Exallieve
dii Don Bosco
close-link
Breaking News