Bashir.jpg

AKASH BASHIR

SERVO DI DIO
(22/06/1994 - 15/03/2015)
Inizio inchiesta diocesana di beatificazione 15/03/2022

Buon Cristiano e Onesto Cittadino

Akash Bashir é nato il 22 giugno 1994 in una famiglia umile e ha studiato presso l’Istituto Tecnico Don Bosco di Lahore. Ha condotto una vita come quella di qualsiasi altro giovane e aveva i suoi sogni per il suo futuro. Viveva con la sua famiglia semplice, aveva amici sia a scuola che al lavoro, gli piaceva fare sport e la preghiera faceva parte della sua vita. Si è impegnato per essere “buon cristiano e onesto cittadino” come voleva Don Bosco. Akash aderì alla squadra di sicurezza incaricata della protezione della sua chiesa parrocchiale, in un momento in cui la situazione in Pakistan era preoccupante con il rischio di incontrare attentatori suicidi che prendevano di mira luoghi religiosi.

Un Exallievo di Don Bosco sulla via della Santità

Akash Bashir è stato un Exallievo di Don Bosco di Lahore in Pakistan. Il 15 marzo 2015 ha dato il suo dono più prezioso per difendere la comunità cattolica riunita per celebrare la S. Messa nella chiesa parrocchiale di San Giovanni, nel quartiere Youhannabad. Aveva solo 20 anni e una vita intera davanti a sé, quando scelse di proteggere gli altri con il dono più prezioso che aveva su questa terra: la sua vita.

Era una domenica mattina quando un attentatore suicida tentò di entrare nella chiesa in cui erano riuniti più di 1000 fedeli che partecipavano alla S. Messa nella parrocchia. Quando si rese conto della presenza dell’attentatore suicida all’ingresso della chiesa, tentò coraggiosamente di fermarlo, rendendosi conto della gravità della situazione. Akash sapeva che l’unico modo per fermarlo era quello di trattenerlo fisicamente. Coraggiosamente gli disse: “Non ti lascerò passare, anche se dovessi rinunciare alla mia vita”. Fu a questo punto che l’attentatore suicida fece esplodere la bomba mentre ancora Akash lottava per impedirgli di entrare nella chiesa piena di fedeli, limitando così le conseguenze.

Abbracciato ai valori della Vita, della Libertà e della Verità
Akash Bashir ha abbracciato i valori della Vita, della Libertà e della Verità in cui crediamo come movimento di Exallievi e amici di Don Bosco. Ha difeso la Vita rinunciando alla sua vita! Ha difeso la Libertà opponendosi alla violenza. Ha abbracciato la Verità combattendo la radicalizzazione. É un esempio perfetto del dono dell’educazione salesiana che noi, Exallievi e amici, abbiamo ricevuto attraverso il carisma di Don Bosco.

La riconoscenza della Confederazione Mondiale degli Exallievi ed Exallieve di Don Bosco

Come Confederazione Mondiale degli Exallievi di Don Bosco, salutiamo l’apertura ufficiale dell’inchiesta diocesana sul martirio, la fama di santità e i segni del Servo di Dio Akash Bashir nel 7° anniversario della sua morte, il 15 marzo 2022, da parte dell’Arcivescovo Sebastian Francis Shaw OFM nella Cattedrale di Lahore in Pakistan. L’attore principale della causa di beatificazione è la Congregazione Salesiana, mentre la Confederazione Mondiale degli Exallievi di Don Bosco é co-attrice.

Primo Pakistano Servo di Dio
Akash Bashir è il primo cittadino Pakistano ad essere riconosciuto Servo di Dio ed è anche la prima persona per cui viene iniziata una causa di beatificazione in Pakistan.

(Dalla lettera aperta di Bryan Magro – Presidente della Confederazione Mondiale Exallievi ed Exallieve di Don Bosco)

Condividi questa storia, scegli tu dove!