Domenica 16 giugno 2019, presso la sala conferenze dell’Hotel Zenit di Lecce, gli Exallievi e le Exallieve di Don Bosco della locale Unione hanno celebrato il 49° convegno annuale dal titolo “Quali Exallievi per i giovani d’oggi alla luce del Sinodo della Chiesa con i giovani e del prossimo Capitolo generale 28 dei Salesiani”.

Momento centrale dell’evento è stata la relazione di Don Tommaso De Mitri, Salesiano di Don Bosco che ha relazionato sul tema del convegno e risposto alle domande moderate dall’Exallievo Mario Greco.

Alla preghiera iniziale sono seguiti i saluti del presidente dell’Unione Gino Foscarini e quelli pervenuti dal Presidente della Federazione Ispettoriale Pugliese Antonio Cascione.

Nella lettera di invito, gli Exallievi di Lecce hanno voluto ricordare le umili origini dell’Associazione nata in segno di riconoscenza al loro Padre e Maestro Don Bosco“.

  1. Il sorgere del Movimento Exallievi, risale all’iniziativa di un piccolo gruppo di antichi allievi artigiani dell’Oratorio di Valdocco a Torino, guidati dal Capo rilegatore Carlo Gastini, si presentarono a Don Bosco il giorno del suo onomastico, il 24 giugno 1870. Per esprimergli la loro riconoscenza, gli portarono in dono un piccolo servizio da caffè. Con loro vi era anche il parroco torinese Don Felice Reviglio, che accompagnava alcuni studenti.

  2. Nel 1956 in occasione del 1° Congresso Latino-Americano di Buenos Aires in Argentina, si elabora un primo Statuto, articolando l’Associazione in Unioni locali, in Federazioni Ispettoriali, Federazioni Nazionali e, a livello internazionale, nella Confederazione Mondiale. Vengono accolti nell’Associazione anche gli Exallievi di religione non cattolica, come partecipi degli ideali di Don Bosco e destinatari dei valori educativi del suo sistema.

  3. L’Associazione si presenta come uno strumento, non secondario, della diffusione dell’azione educatrice della Congregazione Salesiana, con gli Exallievi impegnati nelle proprie famiglie, nella scuola, nelle loro specifiche competenze e soprattutto attraverso la loro testimonianza.