Exallievi ed Exallieve di Don Bosco - Puglia

Mettetevi… nella grande Politica

di Don Gianni Russo, sdb

//Mettetevi… nella grande Politica

Mettetevi… nella grande Politica

“Mettetevi in Politica, nella grande Politica, con la maiuscola!”

di Don Gianni Russo, sdb, Delegato nazionale

(da “Voci Fraterne”, aprile-giugno 2017, n. 2)

Papa Francesco nel discorso all’Azione Cattolica dello scorso 30 aprile, ha spronato i giovani e il laicato a impegnarsi da credenti nella trasformazione della vita pubblica: “Sentite forte dentro di voi la responsabilità di gettare il seme buono del Vangelo nella vita del mondo, attraverso il servizio della carità, l’impegno politico, – mettetevi in politica, ma per favore nella grande politica, nella Politica con la maiuscola! – attraverso anche la passione educativa e la partecipazione al confronto culturale”. Ecco, quasi un mandato del Papa a impegnarsi nella politica, una “missione” vera e propria del credente a esercitare la carità nella costruzione del bene comune.

Abbiamo Cristo, abbiamo valori straordinariamente significativi per costruire le nostre città, abbiamo il senso di una autentica laicità, attenta e rispettosa della pluralità delle diverse prospettive. E come figli di Don Bosco, abbiamo l’entusiasmo di spenderci per i giovani e le famiglie, per il lavoro e per l’educazione, per le nostre città perché siano sempre più vivibili e belle, per il rispetto dell’ambiente e della “casa comune”, dell’anziano e delle sue risorse, per l’onestà e il superamento delle attuali strutture di corruzione. Si aprono i grandi orizzonti! È bello sognare un mondo diverso, più giusto, aperto, più rispettoso dei diritti dell’uomo, attento alle fragilità e ai bisogni dei soggetti più vulnerabili.

Cari Exallievi ed Exallieve, siete la grande moltitudine del laicato salesiano, capace di trasformare la società, offrendo un contributo prezioso secondo i valori ricevuti, con lo sguardo positivo tipico della salesianità, dialogando – come ci ha insegnato Don Bosco – con quanti vivono laicisticamente, consapevoli che in tutti ci sono germi di bene. La politica dei figli di Don Bosco non è la politica delle lobby, ma quella che respira gli ampi orizzonti della promozione del bene comune, armonizzando gli interessi settoriali. “Per assicurare il bene comune, il governo di ogni Paese ha il compito specifico di armonizzare con giustizia i diversi interessi settoriali […]. Per i fedeli laici l’impegno politico è un’espressione qualificata ed esigente dell’impegno cristiano al servizio degli altri. Il perseguimento del bene comune in uno spirito di servizio; lo sviluppo della giustizia con un’attenzione particolare verso le situazioni di povertà e sofferenza; il rispetto dell’autonomia delle realtà terrene; il principio di sussidiarietà; la promozione del dialogo e della pace nell’orizzonte della solidarietà: sono questi gli orientamenti a cui i cristiani laici devono ispirare la loro azione politica” (Compendio della Dottrina Sociale della Chiesa, 169, 565).

È chiaro che l’impegno politico non si può improvvisare, esige preparazione, conoscenza dei contenuti fondamentali della dottrina sociale della Chiesa, esperienze di tirocinio graduale nell’assunzione delle responsabilità, conoscenza dei valori etici assoluti e che non ammettono compromessi.

L’Exallievo/a in politica è chiamato/a a svolgere un continuo discernimento in materia di correttezza delle informazioni, ricerca scientifica, scelte economiche che incidono sulla vita dei più poveri, sacralità della vita, promozione della famiglia fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna. In ogni caso, qualsiasi scelta va comunque radicata nella carità e protesa alla ricerca del bene comune (cfr. Ivi, 569). E non bisogna trascurare che le istanze della fede cristiana difficilmente sono rintracciabili in un’unica collocazione politica. Il cristiano non può trovare un partito pienamente rispondente alle esigenze etiche che nascono dalla fede, per cui la sua adesione a uno schieramento politico sarà libera da condizionamenti ideologici e critica, al fine di realizzare un progetto politico attento al vero bene comune (cfr. Ivi, 573).

Guardiamo al beato Alberto Marvelli, che ha esercitato l’apostolato salesiano di buon figlio di Don Bosco, impegnandosi direttamente in politica. Per Alberto era impossibile la scissione tra fede, mistica e politica. La politica non è una cosa sporca, ma un campo di incontro con Cristo, di santificazione nel servizio dei fratelli.

By |2018-10-02T21:52:15+00:00Giugno 21st, 2017|Categories: Exallievi|Tags: , |Commenti disabilitati su Mettetevi… nella grande Politica

Exallievi ed Exallieve di Don Bosco
FEDERAZIONE ISPETTORIALE PUGLIESE

Contatti >   –   Credits >

Breaking News