Il mio pensiero – Exallievi ed Exallieve di Don Bosco

Il mio pensiero

di Don Antonio Castellano, sdb

//Il mio pensiero

Il mio pensiero

Roma, 19 ottobre 2017

Carissimi Amici,

abbiamo ripreso un nuovo anno di attività, dopo la pausa estiva. Nel mese di giugno c’è stato un incontro a Santeramo in cui, tra l’altro si è visto che era opportuno un avvicendamento per quanto concerne la funzione del “presidente” del nostro gruppo. Ha lasciato Luigi Leone, a cui va tutta la nostra gratitudine per il lavoro fatto e ha assunto la funzione Nicola D’Urso, al quale pure siamo grati per aver accettato e gli auguriamo buon lavoro!

In quell’occasione si è riflettuto anche sul senso che ha il nostro gruppo. Si è ribadito ciò che già sappiamo e viviamo. Siamo un gruppo  di compagni che abbiamo condiviso alcuni anni della nostra giovinezza in una casa salesiana, e che dopo tanti anni – grazie al lavoro e alla tenacia di Dino Spadavecchia – abbiamo riscoperto la gioia di rincontrarci. Ciò ha significato e continua a significare per noi tante cose belle! Forse tutte possono essere sintetizzate nell’espressione “sentirci amici, compagni”, nonostante gli anni ormai trascorsi e la varietà delle esperienze di vita.

Tale “amicizia” più che un risultato nostro (della nostra bravura, della nostra organizzazione), la sperimentiamo soprattutto come un regalo. Ed è difficile anche spiegarla. Cosa è che ci spinge a mantenerci in contatto tra di noi, a chiamarci o incontrarci di tanto in tanto? Solo la “nostalgia” del passato o l’esperienza comune fatta insieme da ragazzi? Chiaramente c’è qualcosa di più. Ognuno di noi, pur avendo già vissuto la vita con tante gioie e difficoltà, riconosce che ogni nostro incontro o contatto è sempre arricchente. E ciò succede non tanto (o non solo) per i ricordi del passato, ma per ciò che siamo nel presente… In tal senso, il presente è senza dubbio più ricco del passato.

Questo fatto, credo, ci deve far riflettere sul cammino che abbiamo davanti. Come custodire (nei limiti delle nostre possibilità e varietà di interessi) l’amicizia ritrovata in questi anni? A Santeramo si è detto che più che puntare su di una struttura è meglio coltivare lo spirito di amicizia con una certa libertà e flessibilità (secondo le nostre possibilità). In tal senso si è parlato di sentirci un “movimento”. Tuttavia si è visto che è necessario avere un minimo di “struttura” per poter vivere e organizzarci. In tal modo si è mantenuto una certa struttura organizzativa con un “Presidente” che è al nostro servizio, ma che è collegata anche alla Federazione degli Exallievi/e di Don Bosco.

I due aspetti non sono in contraddizione, ma sono complementari. Bisogna cercare di evitare i due estremi. Pensare che possiamo “funzionare” bene prescindendo dagli Exallievi/e di Don Bosco (essendo solo un “movimento”), oppure pensare che le cose andranno bene solo se entriamo tutti nella struttura di una Unione della Federazione degli Exallievi/e di Don Bosco. Perciò si è ribadito a Santeramo, nel giugno scorso, che si lascia la libertà per chi lo desidera di continuare a iscriversi all’“Unione Exaspiranti del Sud” creata alcuni anni or sono.

Si è detto anche che, essendo noi sparsi su tutto il territorio nazionale, chi desidera può iscriversi ad una Unione di Exallievi del proprio territorio. Tutto ciò non impedirà di mantenere i contatti tra tutti noi nelle modalità e nei tempi che noi stessi riterremo convenienti. Quindi massima libertà di iscriversi o meno ad una Unione degli Exallievi/e.

Nello stesso tempo è bene riconoscere e mantenere tutto ciò che tanti Exallievi associati hanno dato (e continuano a dare) al nostro gruppo (Dino Spadavecchia in primis, ma poi tanti altri; e nell’ultimo incontro di Santeramo abbiamo avuto una riprova con ciò che ha fatto per noi Arturo Vannelli, Vice Presidente Vicario ispettoriale degli Exallievi di Puglia). Personalmente penso che dalla Federazione degli Exallievi/e (e dai nostri compagni che si associano) potremo ottenere tanto nel futuro. Ed anche noi potremo dare tanto ad essa. Proprio perché abbiamo visto che non è facile incontrarci fisicamente tra di noi (a livello nazionale), dovremmo sfruttare un po’ di più le occasioni per farlo a livello locale in concomitanza con qualche festa salesiana o di altro tipo insieme con gli Exallievi/e locali. Ma non li conosciamo? Vediamo allora di conoscerli e di farci conoscere. Sarà più facile allora convocarci, noi amici “ex-aspiranti” (anche i “non tesserati”), ed incontrarci sul territorio. Penso che sarebbe bello cercare di fare la prova. Certo che le situazioni sono molto differenti a seconda dei posti in cui vi trovate, ma si può studiare la cosa insieme.

Spero di essere stato chiaro. Ad ogni modo insieme con la Presidenza e con il dialogo tra tutti noi potremo vedere piano piano di camminare sulla strada giusta che ci permetterà di conservare e possibilmente di accrescere la nostra amicizia.

Un cordiale saluto ad ognuno di voi.
Aff.mo in Don Bosco

Antonio Castellano

     

By | 2017-11-01T10:04:54+00:00 ottobre 24th, 2017|Exallievi|Commenti disabilitati su Il mio pensiero
Exallievi ed Exallieve di Don Bosco
FEDERAZIONE ISPETTORIALE PUGLIESE

Contact Info

Via Martiri d'Otranto 65 - C/o Opera Salesiana Redentore

Telefono: 080.57.50.111

Fax: 080.57.50.179

Web: Vai alla pagina contatti