Juan Edmundo Vecchi – Exallievi ed Exallieve di Don Bosco
Exallievi ed Exallieve di Don Bosco - Puglia
Loading...

Juan Edmundo Vecchi

//Juan Edmundo Vecchi
Juan Edmundo Vecchi2018-08-07T18:38:51+00:00

Juan Edmundo Vecchi

Juan Edmundo Vecchi

Rettor Maggiore dal 1995 al 2002

VIII Successore di Don Bosco

Juan Edmundo Vecchi Monti, nasce a Viedma (Argentina) il 23 giugno 1931, settimo e ultimo figlio di una famiglia di emigrati italiani che tra il 1898 e il 1906 si era trasferita dall’Emilia Romagna in Argentina in un’epoca in cui l’emigrazione verso l’America era il sogno di tanti italiani che avrebbero voluto trovare lavoro e serenità in terra straniera, vista la povertà della propria patria.

Il padre Albino Vecchi originario di Boretto (Reggio Emilia), e la madre Maria Monti, di Montescudo (Forlì) si conoscono in Argentina e ivi si sposano.

È nipote del venerabile Artemide Zatti, salesiano coadiutore prossimo alla beatificazione.

Juan conosce i salesiani a Viedma e decide di seguire la sua vocazione salesiana. Emessi i primi voti a Fortìn Mercedes, il 29 gennaio del 1947, svolge i suoi studi teologici a Torino Crocetta dove è ordinato sacerdote il 1° luglio del 1958. In quello stesso anno consegue la licenza in teologia sempre a Torino.

Ritornato in Argentina è direttore a Viedma dal ’65 al ’72.

In quest’anno inizia il suo lungo servizio alla Congregazione come superiore generale (30 anni circa). Dal ’72 al ’78 è regionale per l’America Latina-Atlantico; dal ’78 al ’90 è consigliere generale per la pastorale giovanile; dal ’90 al ’96 è vicario del Rettor Maggiore; e infine dal 20 marzo 1996 è l’ottavo successore di Don Bosco.

Sarà ricordato come l’innovatore della pastorale giovanile ma anche per la sua notevole dote di governo, capace di accogliere e dare ascolto tenendo sinceramente in conto le opinioni, i suggerimenti, le esigenze di ciascuno. Forte senso di paternità dunque e di fedeltà al carisma originario del fondatore e anche competente leader animatore del lavoro in équipe, sensibile e aperto ai segni dei tempi.

Rettor Maggiore a partire dal CG24, il capitolo sui laici, don Vecchi ha sempre creduto in loro e ha implementato la relazione di fiducia e di condivisione con le migliaia di laici che prendono parte in forme diverse alla missione di Don Bosco di servire i giovani. Notevole anche la sua sensibilità post-conciliare, in continuità con il suo predecessore don Egidio Viganò, ha creduto in una “Chiesa-comunione” e in una “Chiesa-missione” al servizio dei poveri, in una congregazione incarnata in tutte le culture protesa verso i più poveri e i più emarginati di ogni continente. Ma a differenza di don Viganò, in don Vecchi é spiccato l’aspetto antropologico ed educativo su quello teologico e spirituale, pur rimanendo alta questa caratteristica nella sua personalità (si vedano le molteplici lettere e pubblicazioni su quest’ultimo ambito). Chi lo ha conosciuto può testimoniare il grande slancio spirituale che lo ha animato e lo ha reso entusiasta e ottimista.

Don Vecchi è stato senz’altro il tratto di unione più saldante tra la spiritualità convinta e testimoniata e l’azione pastorale tra i giovani, coerentemente salesiana, convinto che solo se si è mistici, se si crede quindi in Colui che dà animo e identità, si può trasmettere Cristo ai giovani.

Al binomio spiritualità e pastorale, don Vecchi ha sempre aggiunto la testimonianza della vita religiosa e comunitaria salesiana. Comunità credibili, spirituali, impegnate pastoralmente, sono l’espressione fruttuosa di quell’amore di Dio ai giovani di cui i salesiani professano di essere “Segni e portatori”. Don Vecchi ha sempre creduto in questo al punto che il tema del CG25, da lui indetto, ha posto in stretta relazione le tre componenti: testimonianza della spiritualità, vita comunitaria, azione tra i giovani.

L’ottavo successore di don Bosco è stato anche uomo della comunicazione, ambito pastorale in cui ha creduto fortemente e al quale ha dato forte impulso. Nel programma del suo sessennio come Rettore Maggiore, la dimensione della comunicazione ha attraversato trasversalmente tutti gli ambiti e si è concretizzata, fra l’altro, nel rinnovamento e rilancio delle 52 edizioni del Bollettino Salesiano.

Don Vecchi è stato senza dubbio un grande lavoratore, uomo di fede, specchio fedele della lettura carismatica di Cristo che lo Spirito Santo ha affidato a Don Bosco. Uomo dell’ascolto, attento alla cultura moderna, ha creduto nella possibilità dell’incontro tra fede e cultura, laicità e religiosità. Forte capacità di cogliere il nocciolo delle questioni, ma rispettoso dei punti di vista altrui, è stato un animatore con idee chiare, aperte, condivise, capace di tracciare ottimisticamente orizzonti nuovi e di dare impulso a un progetto stabilito.

Exallievi ed Exallieve di Don Bosco
FEDERAZIONE ISPETTORIALE PUGLIESE
DON ANGELO DRAISCI 

Nominato Delegato
della
Federazioe Ispettoriale Pugliese

Exallievi ed Exallieve
di
Don Bosco

Per saperne di più
close-link
DON ANGELO DRAISCI
Nominato Delegato
della Federazione Ispettoriale Pugliese Exallievi ed Exallieve
dii Don Bosco
close-link
Breaking News